Menu

      

Il progetto “FIB Junior: tutti in gioco” alla scuola primaria di Avigliana

 

Le bocce vanno a scuola, con l’adesione al progetto “Fib Junior: tutti in gioco” del plesso di primaria “Domenico Berti” di Avigliana. Un’adesione entusiasta e corposa, che porta, in queste settimane di primavera, 176 bambini delle otto classi (2 prime, 2 seconde, 1 terza, 2 quarte e 1 quinta) del plesso ad avvicinarsi allo sport delle bocce, guidati dagli Educatori Sportivi Scolastici Fib.

Il progetto “Fib Junior: tutti in gioco”, approvato dal Coni e dal Miur, ha come obiettivo l’avvicinamento dei giovanissimi delle scuole primarie e secondarie di primo grado allo sport delle bocce, attraverso attività di educazione ludico – motoria, da svolgersi nelle classi e quindi nelle strutture sportive del territorio. Un modo non solo per proporre alle scuole una nuova modalità per declinare quanto previsto dalle indicazioni ministeriali nell’ambito dell’Educazione Fisica, sostegno e arricchimento alla programmazione educativo – didattica dei Pof. Un modo anche per diffondere la cultura dello sport delle bocce, che, nel nostro territorio piemontese rappresenta un fondamentale patrimonio culturale e di tradizioni da valorizzare presso le nuove generazioni.

«Abbiamo proposto agli Istituti Scolastici del nostro territorio questa attività formativa», spiega il presidente del “Comitato Tecnico Territoriale Valle Susa e Pinerolo” della Fib, Mauro Usseglio Min, referente della Federazione per l’area che copre le vallate alpine di Susa e del Pinerolese. «Il plesso di Avigliana è stato il primo ad aderire con entusiasmo, coinvolgendo tutte le classi».

Gli Istruttori Fib Walter Alesso, Laura Moore e Luca Giachero hanno proposto quattro incontri per ciascuna delle otto classi della “Domenico Berti”, svolgendo il progetto per un intero mese a cavallo tra aprile e maggio. «I nostri giochi di avvicinamento allo sport delle bocce sono finalizzati allo sviluppo delle capacità relazionali, al rispetto delle regole, delle capacità coordinative e motorie dei bambini. Forniamo alle scuole le attrezzature specifiche per la propedeutica sportiva, con bocce in neoprene e strutture in gomma dura, adeguate alle capacità dei bambini e in totale sicurezza – riprende Mauro Usseglio Min – Un’esperienza per noi del Comitato molto positiva, visto l’entusiasmo con cui hanno risposto i bambini e le loro insegnanti».

Positivo anche il riscontro della scuola: «Per noi, è stata una piacevolissima scoperta – commenta la referente del progetto per la “Domenico Berti”, l’insegnante Cinzia Debernardi – I bambini hanno risposto con entusiasmo alla proposta degli istruttori Fib, assolutamente qualificati e competenti nel rapportarsi ai nostri alunni. Un modo anche per far conoscere discipline sportive diverse e con un forte radicamento nella cultura e nelle tradizioni del nostro territorio. Siamo molto soddisfatti del risultato di quest’iniziativa, tanto che il prossimo anno vorremmo riproporla nel Pof, estendendo la partecipazione anche ad altri plessi del nostro Istituto Comprensivo».

 

 

 

 

 

Accedi per commentare

"Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica perché viene aggiornato senza alcuna periodicità fissa.

Non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001."