Menu

      

A De Sanctis le redini della Federbocce, finisce l'era di Rizzoli

  • Scritto da Alberto Mulassano

 

Marco Giunio De Sanctis è il nuovo presidente della Federazione italiana bocce per il quadriennio olimpico 2017-2020. Romano, 54 anni, laurea in giurisprudenza, segretario generale del Cip, Comitato italiano paralimpico, con il 57 per cento dei voti ha superato Romolo Rizzoli, presidente uscente, che ha raccolto il 41,7 dei suffragi. A De Sanctis sono andati 6662 voti contro i 4882 di Rizzoli.

In un’assemblea affollatissima, al Centro Congressi di Veronafiere a Verona, dove erano rappresentate 1573 società sulle circa 1800 aventi diritto al voto, sono stati eletti anche i dieci componenti del nuovo Consiglio federale. Nei 7 posti in rappresentanza degli affiliati in testa a tutti si è piazzato Moreno Rosati dell’Umbria, specialità raffa, con 614 preferenze seguito da Maurizio Andreoli (raffa, Emilia Romagna, 524), Francesco Del Vecchio (raffa, Campania, 471), Gregorio Gregori (raffa, Marche, 441), Claudio Mamino (petanque, Piemonte, 437), Gianfranco Papa (volo, Veneto, 398) e Roberto Favre, della Valle d’Aosta, specialità volo, con 351 preferenze. Non sono stati eletti Valter Ambrogio (volo, Piemonte, che pur raccogliendo 410 voti non ce l’ha fatta perché nei due consiglieri che spettano in una regione uno solo può rappresentare gli affiliati), Bruno Casarini (raffa, Lombardia, 384), Vincenzo Santucci (raffa, Lazio, 365), Andrea Evangelisti (raffa, Marche, 364), Fabio Ballauco (volo, Liguria, 228) e Pier Giorgio Bondaz, della Valle d’Aosta, in corsa per il volo che ha raccolto 166 voti.

Nei due posti riservati in Consiglio ai rappresentanti degli atleti sono stati promossi Fernando Rosati (raffa, Emilia Romagna, 93) e Marco Bricco (volo, Piemonte, 89). Non ce l’hanno fatta le due donne, Laura Trova che rappresentava il volo del Piemonte con 42 preferenze ed Elisa Luccarini, specialità raffa dell’Emilia Romagna, che si è fermata a quota 40. Le preferenze dei tecnici sono andate a Moreno Volpi, unico candidato della Lombardia, raffa, che ha ottenuto 92 voti.

E’ stato anche eletto il presidente del Collegio dei revisori dei conti, Giancarlo Sabatini, che si è imposto con 191 voti su Ruggiero Adriani che ne ha ottenuti 86. L’assemblea di Verona è stata presieduta dall’avvocato Massimo Proto del Coni mentre la Commissione verifica poteri era composta dal colonnello Vincenzo Parrinello e dagli avvocati Ernesto Mazzei e Fabio Pennisi.

Entra per commentare
Bookmaker with best odds http://wbetting.co.uk review site.